Da Milano a…? Il futuro dei padri di Sant’Ilario

 

Come abbiamo già raccontato qui, la parrocchia milanese di Sant’Ilario, situata nel quartiere gallaratese (vicino allo stadio di San Siro, per intenderci) e in gestione ai padri betarramiti dal 1986, è stata restituita proprio in questi giorni alla diocesi. L’importante trasloco ha comportato anche il trasferimento di tutti i padri residenti nelle altre comunità della congregazione che si sono rese disponibili ad accoglierli. A partire dalla giornata di giovedì 3 settembre, dunque, la comunità San Michele di Albavilla si allargherà grazie all’arrivo di padre Carlo Antonini; mentre la casa del Bel Ramo ad Albiate – già abitata da ben 7 padri – ospiterà il padre Livio Borghetti. L’ex parroco di Sant’Ilario, Alessandro Locatelli, partirà invece per Birmingham in Inghilterra – dove era già stato per un periodo un paio d’anni fa – e resterà presso la comunità betarramita anglofona a tempo indeterminato. Per ringraziare e salutare i suoi parrocchiani italiani, il sacerdote originario di Caslino d’Erba ha preso in prestito proprio le parole di un personaggio di J. R. R. Tolkien, scrittore britannico (!) e autore della saga Il signore degli anelli.