Dal Mosaico aggiornamenti sulla ricerca sull’AIDS

Familiare ma anche tecnico il numero due del giornalino del Mosaico che per i venticinque anni di casa-famiglia  si è regalato un restyling. Nelle pagine del nuovo notiziario in distribuzione (ma disponibile anche online, qui) si alternano infatti i fatti di famiglia allo stato dell’arte dell’AIDS sul quale periodicamente gli addetti ai lavori si aggiornano con appositi convegni. Da un lato, dunque, padre Mario Longoni riassume le ultime attività dell’associazione a partire dall’opera di accoglienza di rifugiati nella casetta adiacente a Villa del Pino fino alla più recente proposta di ristrutturazione – con il ricavato del 5×1000 al Mosaico – della stalla della casa-famiglia per farne uno spazio polivalente e di lavoro per gli ospiti e per i rifugiati. Come sempre, c’è spazio per le storie di chi abita Villa del Pino ma si dà notizia anche dell’appello che i ricercatori hanno lanciato al governo per richiedere il varo del Piano Nazionale Aids e il finanziamento degli studi sulla materia, proprio durante il Congresso ICAR (Italian Conference on AIDS and Antiviral Research), la più importante manifestazione su HIV e AIDS in Italia a cui ha partecipato anche Il Mosaico. I lettori vengono aggiornati anche della campagna di sensibilizzazione per debellare l’epatite C nei pazienti con HIV,  ma anche di quella della Fondazione The Bridge che ne parla nelle scuole italiane e pure in spiaggia.