Il ricordo della battaglia di Langhirano

È il 25 agosto 1944 e una pattuglia nazifascista forma una colonna di 150 uomini armati in direzione di Langhirano. Sono i giorni che concludono un periodo di rastrellamenti ai quali i partigiani della zona rispondono con azioni di guerriglia e sabotaggi. Il 25 agosto, i nazisti vengono intercettati da un posto di blocco del distaccamento Cosacco della IV Brigata Giustizia e Libertà e comincia una sparatoria che si diffonde in varie zone della città, dando vita a quella che oggi è definita la «battaglia di Langhirano». Proprio per ricordare le vittime di questo scontro, sabato 25 agosto, l’Anpi ha organizzato la tradizionale cerimonia in collaborazione con il Comune di Langhirano e di Lesignano. Autorità civili e militari, associazioni e numerosi cittadini si sono ritrovati in piazza Ferrari a Langhirano e hanno poi proseguito insieme al parroco padre Aldo Nespoli per omaggiare con un mazzo di fiori e una benedizione i  cippi dei partigiani rimasti uccisi e dislocati nelle varie località che sono diventate scenario della battaglia.