Il seminario di Sampran “compie” 30 anni

dalla nostra inviata in Thailandia Beatrice Parravicini
Trent’anni fa, nel 1987, i missionari betharramiti  abitavano in Thailandia già da un trentennio ma fino ad allora erano stati  impegnati soprattutto ad annunciare il Vangelo e a promuoverne i valori nell’ambito educativo tra le popolazioni più disagiate.
In quell’anno, però, per assicurare un futuro alla loro opera ebbero l’idea di accogliere dei giovani che bussavano alla loro porta per vivere la vita nello spirito di san Michele Garicoïts, fondatore della congregazione del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram.
Così il 20 gennaio 1987 venne inaugurata la nuova residenza e il seminario di «Ban Betharram» a Sampran con la presenza dell’allora cardinale di Bangkok, monsignor Michael Michai Kitbunchu che ha presieduto la celebrazione solenne nel tardo pomeriggio di Sabato 29 luglio.
Nei giorni precedenti si sono svolte attività  sportive presso il campo sportivo del nuovo seminario maggiore “Ban Garicoits”, situato sempre a Sampran.
Sabato 29, il clou dei festeggiamenti con la celebrazione presso la cappella del seminario Ban Betharram a cui hanno partecipato 42 sacerdoti, in gran parte i padri betharramiti presenti  in Thailandia accanto a loro sacerdoti delle molte congregazioni presenti nella capitale thailandese, e circa 500 persone amici, conoscenti, benefattori e tutti colori che in questi 30 anni hanno potuto conoscere la realtà betharramita.
Domenica mattina, di buon ora, la celebrazione conclusiva dei festeggiamenti presso la cappella del seminario maggiore Ban Garicoits, celebrata da padre Odiyathingal Subesh Sebastian, indiano, in visita per due mesi alle comunità in Thailandia, al termine della quale i padri hanno ripreso la “strada di casa” per raggiungere le loro comunità nel paese.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Autorizzo ai sensi del D. Lgs. 30 Giugno 2003 n. 196 il trattamento dei dati personali trasmessi. I dati inseriti in questo modulo saranno utilizzati al solo scopo di fornire le informazioni richieste e saranno soggetti al massimo riserbo, in piena ottemperanza della normativa vigente sulla privacy, e quindi non potranno essere divulgati a terzi senza esplicito consenso dell'interessato.