Le comunità italiane si rinnovano nella struttura

Da Bétharram arrivano alcune notizie ufficiali, meticolosamente riportate dalla NEF del mese di novembre. Diverse novità riguardano anche l’Italia, a partire dalla cronaca del lutto che ha colpito proprio la congregazione nella nostra Penisola con la scomparsa di padre Raimondo Perlini lo scorso 27 ottobre e che padre Alessandro Paniga ricorda in un commovente scritto. Uno dei protagonisti della notizia della pubblicazione della Dottrina spirituale e la Corrispondenza di padre Etchecopar in spagnolo è un altro missionario italiano, padre Angelo Recalcati che ha contribuito alla traduzione e revisione dei testi. Per quel che riguarda l’organizzazione delle comunità, il generale padre Gustavo Agìn – d’accordo con il superiore regionale e il suo consiglio – ha nominato «primo vicario» padre Tiziano Pozzi, una carica che garantisce il governo della regione se l’ufficio di superiore regionale dovesse restare vacante. Inoltre diversi “accorpamenti” interessano le comunità italiane che uniscono le forze a livello di Monteporzio e del Santuario dei Miracoli di Roma, sotto la guida del superiore padre Mario Longoni. Anche la comunità di Lissone formalmente diventa un tutt’uno con quella di Castellazzo di Bollate: per questo polo rinnovato il superiore responsabile sarà padre Giacomo Spini. Padre Angelo Riva, appena trasferito a Colico, assume qui il ruolo di superiore di comunità così come i padri Natale Re a Pistoia e Albino de Giobbi a Ponte a Elsa.