Makila: una spiritualità che nasce dal cuore

di Ennio Bianchi

San Michele si ferma ad analizzare le “virtù” del Cuore di Cristo incarnato: la devozione al Sacro Cuore è centrale nella sua spiritualità. E attinge alla Bibbia la concezione ricca e profonda di “Cuore”.

Il termine “Cuore” nella Bibbia conosce  molteplici significati. Ecco i principali:

– esprime vari atteggiamenti interiori dell’uomo e di Dio: gioia, collera, compiacenza, rimprovero, gelosia, altruismo,

– per l’uomo è usato come sede della vita dell’anima, della vita emotiva, della vita intellettiva e morale-religiosa,

– esprime il dono salvifico di Dio all’uomo e la risposta dell’uomo a Dio,

– designa tutta quanta la personalità dell’uomo, è segno espressivo dell’intimo dell’uomo e delle sue scelte più vitali,

– qualifica l’atteggiamento religioso dell’uomo che ha un cuore buono o perverso, un cuore contrito o impenitente, un cuore docile o ribelle, un cuore che cerca o indifferente, un cuore tutto di Dio o idolatrico, un cuore di carne o di pietra, un cuore illuminato o cieco, un cuore sapiente o stolto,

– esprime il fremito di Dio nel vedere non corrisposto dall’uomo il suo amore, l’uomo che lui ha creato per amore e che segue in ogni istante della vita,

– rivela che Dio è tutto attento all’uomo e che pensa sempre alla salvezza di tutti gli uomini, ai quali Dio apre il cuore perché siano consapevoli del suo amore,

– rivela che Dio abita nel cuore dell’uomo, che diventa la sua dimora, in intimità reciproca – richiesta – di amore,

– afferma che il cuore umano è un fuoco ardente nel quale viene forgiata l’unità della persona: il cuore è il centro della persona,

– afferma che il centro dell’essere si chiama cuore e che il centro dell’agire si chiama amore,

– il cuore è il centro dell’uomo e la sorgente del dinamismo vitale del suo agire, per Dio e per gli uomini.

Nella Bibbia la parola “cuore” è sempre simbolo di amore, di attenzione, di salvezza  offerta all’uomo dall’amore di Dio e di risposta dell’amore dell’uomo all’amore di Dio. “Cuore” e “amoresi richiamano e si chiariscono e si comprendono insieme. San Michele ha attinto alla Bibbia per la sua riflessione sul “Cuore” di Cristo. La sua spiritualità si nutre alla Parola di Dio. E l’attualizza per ogni persona, coinvolgendola nella contemplazione del Cuore di Cristo.

Leggi anche: Garicoits: prete deciso e insoddisfatto