Non mimose ma lavoro: alle donne regaliamo futuro

Alle ragazze non servono mimose ma futuro. Quest’anno per l’8 marzo il Vicariato d’Italia ha deciso di sospendere il tradizionale scambio di fiori gialli e di celebrare le donne con un’iniziativa di sostegno concreto alle ragazze di Centrafrica e Thailandia che nelle missioni dei padri betharramiti imparano un mestiere e iniziano piccole attività per sfuggire a un destino di povertà e violenza. Per loro sabato 9 marzo AMICI Betharram onlus, l’associazione Il Mosaico e il centro di comunicazione Betagorà saranno in Piazza del Popolo a Roma (precisamente sul sagrato della chiesa Santa Maria dei Miracoli) con un banchetto di prodotti di sartoria realizzati dalle ragazze  del laboratorio di cucito Bankonthip presso il betharramita Holy Family Catholic Centre a Ban Pong, nel nord della Thailandia.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sono proprio loro le prime destinatarie del ricavato della vendita: imparando un mestiere da sarte professioniste queste giovani si garantiscono un futuro dignitoso e si sottraggono al traffico di prostituzione e violenza che per troppe ragazze povere appare l’unica alternativa per vivere (+ info). Sempre attraverso il lavoro passa il riscatto delle donne di Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, seconde destinatarie della raccolta fondi. Per colpa della guerra che si combatte dal 2013 in questo paese in mezzo al continente nero molte donne, già poverissime, hanno dovuto abbandonare la loro casa e hanno perso tutto: oggi alcune sognano di ricominciare e – mettendo ogni settimana i propri risparmi in una cassa comune – a turno le donne permettono a un’amica di iniziare una piccola attività. I padri betharramiti, da oltre 30 anni in Centrafrica e da pochi mesi nella capitale, hanno scelto di accompagnare questo progetto (+ info). Proprio questa iniziativa viene sostenuta anche dal concerto per le donne centrafricane che tre artiste – Santina Amici all’organo, la flautista Valentina Licastro e il mezzosoprano Caterina Novak – terranno nella chiesa di Santa Maria dei Miracoli (Piazza del popolo, Roma) il 9 marzo alle ore 17.