Padre Radaelli tra i rhodensi eccellenti

Un ciclo di incontri per scoprire i migliori protagonisti della città di Rho che hanno raggiunto traguardi prestigiosi in vari ambiti e con cui chiacchierare di passato, presente e futuro. È questo lo scopo dell’associazione Oblò che da qualche mese ha lanciato con il Comune l’iniziativa Rhodensi eccellenti – Perché Rho: dialoghi in cinque serate moderati dal giornalista Mauro Tosi che ha riflettuto con i concittadini del domani proprio nel momento in cui la città di Rho viene coinvolta nei lavori di ripensamento dell’ex area Expo. Dopo aver incontrato i cittadini illustri nei campi della scienza e della tecnologia, del volontariato e del terzo settore, ieri sera (8 febbraio) nell’auditorium della casa locale dei padri oblati sono stati convocati i rhodensi che si occupano di cultura, dalla storia alla fotografia e all’arte. Sul palco si sono susseguiti Piero Airaghi, cultore di storia locale, Fabrizio Annibali, fotografo freelance e infine padre Francesco Radaelli, religioso betharramita originario di Rho ma anche architetto e artista che ha collaborato alla progettazione e ristrutturazione di varie chiese anche nel suo paese natale.