Quale direzione per l’Italia

A conclusione della visita canonica del superiore generale padre Graspar Perez in Italia, ieri ad Albiate si è svolta l’assemblea di vicariato che ha riunito circa 30 religiosi provenienti dalle diverse comunità della penisola. All’assemblea il superiore generale ha tenuto una relazione su quanto emerso dal suo viaggio in Italia, sottolineando da un lato l’innegabile invecchiamento delle comunità (e la cosiddetta «crisi di nuove vocazioni» per le quali bisogna pregare sempre), ma dall’altro mettendo in luce anche la vitalità che si respira nella maggior parte delle realtà betarramite, anche grazie alla presenza dei laici. In breve, il focus si sposta dalla quantità che caratterizzava le comunità dei decenni passati alla qualità delle stesse, sulla quale bisogna sempre più lavorare. Dopo tutto lo stesso san Michele Garicoits, nel lontano 1835, iniziò la sua avventura con soli 5 seguaci e morì nella convinzione che la congregazione da lui fondata avrebbe avuto vita breve: invece, grazie all’esempio di quei pochi, i betarramiti sono cresciuti e resistono – cambiando missione e adattandosi ai tempi – fino ad oggi.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.