Ricordando la prima messa in comunità

I primi festeggiamenti per gli anniversari di sacerdozio che abbondano tra i betharramiti italiani nel mese di settembre sono iniziati già qualche settimana fa con padre Tiziano Molteni, il betharramita brianzolo da quasi mezzo secolo adottato dalla Val d’Elsa. Anche se la parrocchia di Ponte a Elsa è la sua casa di adozione, padre Tiziano è tornato della natale Carugo domenica 3 settembre, in occasione della festa del paese, dove ha celebrato una messa con compaesani, anziani e ammalati proprio per festeggiare i 40 anni di sacerdozio che cadranno il prossimo 24 settembre. Per il compagno di messa padre Giacomo Spini si è invece mobilitata la parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Lissone che lo ricorderà insieme a padre Ernesto Colli (che «compie» 65 anni di messa) durante la festa della parrocchia di domani (programma completo qui). Anche padre Aldo Nespoli – che farà il suo ingresso come parroco di Langhirano il prossimo 14 ottobre – festeggerà i 40 anni di messa domani e poi il 2 ottobre a Giussano; mentre oggi la Nuova Parrocchia ospiterà gli alpini del parmense e il coro della città di Giussano per una messa e un momento in ricordo dei 70 anni del passaggio di don Carlo Gnocchi a Langhirano per visitare i caduti nella ritirata di Russia. Trentacinque anni di professione hanno commemorato i padri Antonio Riva (il 16 settembre), Emilio Manzolini e fratel Claudio Mantegazza (il giorno 12); mentre domani il festeggiato è anche padre Natale Re nel quarantesimo di sacerdozio, proprio oggi invece cade il cinquantesimo di professione di padre Mario Giussani. Concluso settembre, il prossimo mese i padri coinvolti potrebbero poi festeggiare tutti insieme fra di loro, ospitati da una comunità betharramita d’Italia.