Avvenire finanzia tre pozzi “betharramiti” in Centrafrica

Buone notizie sotto l’albero betharramita. L’associazione Nicosia-Giaquinto onlus, fondata una quarantina di anni fa dai giornalisti del quotidiano cattolico Avvenire per sostenere cause benefiche e progetti di volontariato, ha destinato 3000 euro a AMICI Betharram Onlus per la costruzione di tre pozzi in Centrafrica. L’ex centro missionario della congregazione betharramita da anni infatti si occupa dell’approvvigionamento d’acqua nel Paese africano promuovendo sia la costruzione di pozzi di profondità, con tubature e pompe a immersione, sia il miglioramento dei tradizionali pozzi scavati a mano grazie a un rivestimento di tubi di cemento armato e la protezione dell’imboccatura. Proprio questo secondo modello di pozzo verrà finanziato dall’associazione Nicosia-Giaquinto, che raccoglie i contributi mensili volontari dei dipendenti del quotidiano cattolico e che ha chiesto che i pozzi siano intitolati ai giovani colleghi recentemente scomparsi Lino Giaquinto, Domenico Montalto e Tiziano Resca.