Lissone e p. Tiziano: una giornata missionaria celebrata “in casa”

La parrocchia Sacro Cuore di Lissone ha celebrato “in casa” la giornata missionaria mondiale invitando a partecipare padre Tiziano Pozzi, il sacerdote e medico impegnato in Repubblica Centrafricana che proprio nella comunità brianzola è cresciuto e ha maturato la vocazione. Il missionario – in Italia per un periodo di riposo – è stato infatti l’ospite d’onore della domenica missionaria (27 ottobre) cominciata con una messa partecipatissima, animata dal gruppo missionario locale e dai canti festosi del coro Sahuti wa Afrika, e proseguita con un pranzo comunitario nella palestra dell’oratorio. «La Chiesa cattolica – ha spiegato padre Tiziano nella sua omelia – svolge un ruolo importante in Centrafrica e soprattutto nei campi della sanità e dell’istruzione sostituisce lo Stato che è completamente assente al di fuori della capitale Bangui. Occorre però ricordare e tenere presente che i missionari non sono un corpo speciale e che niente è di nostra proprietà bensì a servizio alla gente». Il lavoro che padre Tiziano svolge da oltre trent’anni in uno dei Paese più poveri al mondo è possibile grazie a tante persone in Italia: «In particolare – ha detto il missionario al termine della giornata – ringrazio il gruppo missionario parrocchiale composto dagli amici di sempre che dal primo giorno della partenza a Niem sono stati presenti e mi hanno sostenuto».

Qui un video della giornata.

Questo slideshow richiede JavaScript.