Ora: cominciare l’anno con prudenza

Il foglio Ora (scaricabile qui) che ogni giovedì unisce nella preghiera i betharramiti italiani, religiosi e laici, propone di cominciare l’anno con prudenza. «Questa parola – scrive Carlo Maria Martini la cui riflessione è riportata in calce al sussidio – non suona tanto bene nel mondo attuale. Prudenza per noi significa essere cauti nella guida della macchina, osservare regole stradali, stare attenti a non mangiare e a bere troppo… Nella tradizione  biblica significa molto di più. Anzitutto evoca la sapienza, cioè la capacità di vedere alla luce di Dio i fatti e le azioni umane. Prudenza è l’equivalente di sapienza: saper comprendere gli avvenimenti e le scelte da fare, alla luce del Signore. (…) La prudenza genera saggezza di vita, armonia, tranquillità d’animo e serenità, ordine, chiarezza, pace interiore e ci rende capaci di guardare a ciò che è essenziale»