«Aprite la finestra, voglio vedere il cielo»

Che ricorrenza è oggi? Naturalmente il Lunedì dell’Angelo ma non solo: per Bétharram il 13 aprile è pure il giorno in cui si ricorda la morte di padre Auguste Etchécopar, terzo superiore generale della congregazione e considerato una specie di “secondo fondatore” per la famiglia religiosa creata da san Michele. Fu quest’uomo che – nell’arco dei 25 anni passati ai vertici della congregazione, dal 1874 fino alla morte avvenuta nel 1897 – raccolse gli spunti sparsi lasciati da padre Garicoits, li unì in un sistema coerente mantenendo intatta l’intuizione del fondatore ma anche preparando il terreno per l’approvazione della Regola betharramita. L’opera umile di padre Etchécopar permise di fatto alla congregazione di crescere ed espandersi ed è dunque a ragione molto considerata dalla famiglia betharramita che in effetti da qualche decennio ha iniziato la sua causa di beatificazione. Padre Etchécopar morì per una polmonite (!) il 13 aprile 1897, che quell’anno era il martedì santo, e le sue esequie – alle quali parteciparono oltre 400 sacerdoti – vengono celebrati proprio il lunedì di Pasqua. Le sue ultime parole, riportate dai testimoni, furono: «Aprite la finestra, voglio vedere il cielo». 

 

Leggi anche: Etchécopar, la forza del numero 2