Domenica ad Albiate una pesca di solidarietà

«Dai un pesce a un uomo  e lo nutrirai per un giorno, insegnagli a pescare e lo aiuterai per tutta la vita». È da questa frase attribuita a Confucio che prende le mosse la pesca di solidarietà che i padri betharramiti propongono domenica 24 novembre ad Albiate. Approfittando dei mercatini di Natale organizzati dai commercianti della città, il centro di comunicazione Betagorà e AMICI Betharram Onlus inviteranno i passanti a fermarsi per una pescata all’insegna della beneficienza. Il ricavato dell’iniziativa verrà infatti devoluto alla riqualificazione del laboratorio di falegnameria di Bouar (Repubblica Centrafricana) dove alcuni giovani imparano un mestiere con cui costruirsi un futuro dignitoso. L’atelier è stato danneggiato dai militari che dal 2013 mettono a ferro e fuoco il Paese, ancora insanguinato dalla guerra civile: occorre dunque comprare nuova attrezzatura e rimettere in sesto la struttura da poco riaperta grazie all’arrivo di fratel Hermann Bahi, religioso originario della Costa d’Avorio ma anche falegname di professione.

La pesca di beneficienza si troverà in via Italia (davanti ai cancelli della comunità dei padri betharramiti) dalle 10.30 alle 18.