Lissone vuole regalare un reparto all’ospedale di Niem

Per Natale padre Tiziano Pozzi, medico e missionario betharramita originario di Lissone, ha chiesto ai suoi concittadini un regalo speciale: un nuovo reparto per il suo ospedale in Centrafrica.

A Niem, un villaggio in uno dei Paesi più poveri del mondo,  i betharramiti 35 anni fa hanno aperto una missione e costruito un ospedale che è diventato sempre più efficiente. Oggi l‘ospedale comprende sala parto, farmacia, laboratorio, sala dentistica, camere per i degenti e da poco è stata aperta anche una sala operatoria, costruita grazie al contributo di tanti amici italiani e intitolata alla lissonese Isabella Pozzi, sorella di padre Tiziano prematuramente scomparsa.

Per garantire il completo funzionamento della sala operatoria, padre Tiziano vuole costruire un reparto degenza per i pazienti che si sono sottoposti a un intervento. Il progetto prevede la realizzazione di quattro camere per un totale di 13 posti letto. Il costo complessivo dell’opera è di 20mila euro, necessari per reperire le materie prime, infissi e letti. Per questo progetto il Gruppo missionario della parrocchia Sacro Cuore di Lissone sta raccogliendo fondi e a questo scopo è stato organizzato un banchetto di beneficenza che si terrà all’interno del tradizionale villaggio di Natale allestito in piazza Libertà (dalle ore 9 alle 17,30) sabato 11 e domenica 12 dicembre.